FANDOM


Millennium è una trilogia di romanzi polizieschi dello scrittore e giornalista svedese Stieg Larsson. I tre romanzi che la compongono sono tutti stati pubblicati postumi, dopo la prematura scomparsa dell'autore e sono apparsi per la prima volta in Svezia tra il 2005 e il 2007 presso l'editore Norstedts Förlag. In un celebre carteggio tra Larsson e l’editor della casa editrice Nortsteds, che precede di sei mesi la consegna del manoscritto e la morte dello scrittore, Larsson espone la sua poetica: niente stereotipi polizieschi, eroi sottoposti alla legge (compresi Mikael e Lisbeth), e inversione dei ruoli sessuali; Mikael fa spesso la parte della “bambolona”, mentre Lisbeth si comporta da maschio. Larsson non ha l' ambizione di fare letteratura alta, come gli Abba non presero Arnold Schoenberg a modello: eppure la formula svedese di “qualità popolare” sembra vivere oggi il suo momento d'oro. In Italia i romanzi sono stati pubblicati per la prima volta a partire dal 2007 presso l'editore Marsilio. I romanzi che la compongono sono: Uomini che odiano le donne (Män som hatar kvinnor), La ragazza che giocava con il fuoco (Flickan som lekte med elden) e La regina dei castelli di carta (Luftslottet som sprängdes). I tre romanzi sono stati tradotti e pubblicati in oltre trenta paesi, e in Europa hanno venduto oltre 8 milioni di copie, di cui 2,7 milioni nella sola Svezia, quasi un terzo degli abitanti del paese scandinavo, e 1,5 milioni nella sola Francia, primo paese a pubblicare la trilogia presso l'editore Actes Sud. Nelle intenzioni di Stieg Larsson la trilogia era solo l'inizio di una serie più corposa di ben dieci romanzi. La sua morte improvvisa ha però stroncato ogni possibile seguito, anche se la compagna di Larsson, Eva Gabrielsson, ha trovato 200 pagine di un potenziale seguito negli archivi di Larsson. Il grande successo della trilogia ha portato il Museo Civico di Stoccolma ad organizzare dei veri e propri Millennium Tour.

Uomini che odiano le donne
La ragazza che giocava con il fuoco
Regina castelli carta